- documento d’identità in corso di validità e codice fiscale o tesserino sanitario degli eredi.

- certificato di morte (da richiedere al Comune di morte);

- fotocopia dei documenti d’identità e dei codici fiscali del defunto

- per le successioni legittime: dichiarazione sostitutiva di atto notorio (in carta libera ad uso successione) che indica chi sono i parenti prossimi del defunto, in quanto tali chiamati all’eredità.

- per le successioni testamentarie: verbale di pubblicazione del testamento

- estratti per riassunto degli atti di matrimonio, rilasciati dal comune nel quale è stato contratto il matrimonio (o certificati di stato libero o vedovanza) del defunto;

- certificati di residenza del defunto e degli eredi.

- esibizione degli eventuali atti di donazione effettuati dal defunto a favore dei beneficiari.

- precisazioni in relazione all'eventuale sussistenza, in capo anche ad uno solo dei beneficiari, dei requisiti per le agevolazioni della prima casa.

- per tutti gli immobili (sia terreni che fabbricati): copia del titolo di provenienza (atto notarile di acquisto o denuncia di successione), nonchè eventuale documentazione catastale in possesso della parte.

- per i terreni: certificato di destinazione urbanistica (in carta libera), rilasciato dal Comune ove si trovano i terreni stessi.

- per le aziende e partecipazioni sociali: atti di acquisto, visura camerale e valori (al netto dell'avviamento).

- per azioni, obbligazioni e altri titoli: relative certificazioni.

- per rapporti bancari: certificazione bancaria dalla quale risultino il saldo del conto corrente bancario, i titoli in deposito, eventuali passività (mutui, saldo passivo di conto corrente, ecc.), alla data dell'apertura della successione.

- eventuali fatture e/o documentazione per spese funerarie/mediche ed altre passività.