Ai fini dell’applicazione dell’imposta sulle donazioni, l’articolo 3, comma 4-ter, del TUS, come da ultimo modificato dalla legge finanziaria per il 2008, dispone che “I trasferimenti, effettuati anche tramite i patti di famiglia (...) a favore dei discendenti, ….di aziende o rami di esse, di quote sociali e di azioni non sono soggetti all’imposta”.

Tuttavia per il mantenimento dell’agevolazione in parola è necessario che i beneficiari:

- proseguano l’esercizio dell’attività d’impresa ovvero detengano il controllo per un periodo non inferiore a cinque anni dal trasferimento;

- rendano, contestualmente alla stipula del contratto con il quale è disposto il patto di famiglia, una dichiarazione con la quale si impegnino ad osservare le predette condizioni.

L’agevolazione recata dall’articolo 3, comma 4-ter, del TUS, si applica esclusivamente con riferimento al trasferimento effettuato tramite il patto di famiglia, e non riguarda anche l’attribuzione di somme di denaro o di beni eventualmente posta in essere dall’assegnatario dell’azienda o delle partecipazioni sociali in favore degli altri partecipanti al contratto.

Tali ultime attribuzioni rientrano nell’ambito applicativo dell’imposta sulle successioni e donazioni.

In ultimo, si osserva che i partecipanti al patto di famiglia non assegnatari dell’azienda o delle partecipazioni sociali possono rinunziare all’attribuzione in denaro o in natura loro spettante (articolo 768-quater, comma 2, del codice civile). Tale rinunzia non ha effetti traslativi ed è, quindi, soggetta alla sola imposta di registro in misura fissa, dovuta per gli atti privi di contenuto patrimoniale (articolo 11 della Tariffa, Parte prima, allegata al TUR).

In base all’espresso rinvio alla disposizione agevolativa di cui all’articolo 3, comma 4-ter, del TUS, recato rispettivamente dagli articoli 1, comma 2 e 10, comma 3, del TUIC, le relative formalità di trascrizione e voltura catastale sono esenti dalle imposte ipotecaria e catastale.

- imposta di registro:   esente

- imposta ipotecaria:    esente

- imposta catastale:      esente

- imposta di bollo:        45(senza immobili); 300(con immobili).